CONSIGLIO REGIONALE 13-14 LUGLIO 2022 – Le attività di Pour l’Autonomie: Piste per Biker, Emergenza gas, Ospedale Regionale, e Turismo accessibile.

12 Luglio 2022

Pour l’Autonomie presenta all’ordine del giorno del Consiglio regionale del 13-14 luglio 2022, tre interpellanze e una mozione riguardanti problematiche che richiedono interventi urgenti nell’interesse della nostra comunità.

Con la prima interpellanza si affronta il tema delle piste per biker e delle criticità ad esse connesse.
«La conformazione geografica della Valle d’Aosta e le sue indiscusse bellezze naturali ne fanno la destinazione ideale per gli appassionati di diverse attività sportive, tra cui gli amanti della bicicletta il cui numero è in costante crescita sia a livello nazionale che internazionale» premette il Capogruppo Carrel «Questo particolare settore turistico risente però dell’assenza di una legge che sgravi le società ma soprattutto i proprietari di terreni dalle responsabilità penali relative alle piste per biker, come per altro sottolineato dal Presidente della Pila S.p.A che per questa stagione si è vista costretta a cancellare la tratta Pila-Les Fleurs per l’indisponibilità del proprietario a concedere il proprio terreno, a causa delle eccessive responsabilità derivanti da detta concessione. Richiamando le nostre diverse iniziative mirate a sostenere e incentivare quest’attività sportiva dalle grandi potenzialità turistiche, riteniamo sia giunto il momento che questa Giunta si attivi concretamente per sanare la predetta lacuna che minaccia di compromettere le ottime opportunità offerte dal nostro territorio, ed incentivare così la creazione di appositi tour bike nella nostra Regione. Con questa interpellanza chiediamo quindi di sapere se sia intenzione dell’Assessore competente lavorare ad una legge che tuteli i proprietari e le società dalle responsabilità penali in presenza di piste o percorsi appositi per biciclette; e quali siano i tempi entro cui questo disegno di legge potrà essere analizzato nella Commissione consiliare competente».

Con la seconda interpellanza si chiedono risposte sull’emergenza determinata dal rialzo vertiginoso dei costi di gas e gasolio.
«La crisi mondiale del settore energetico ha provocato un generale aumento dei prezzi del gasolio e del gas, con conseguente incremento dei costi del riscaldamento domestico, che in maniera crescente vanno a pesare sulle famiglie valdostane» spiega il Consigliere Rollandin «In considerazione del fatto che tale congiuntura sfavorevole mostrerà inevitabilmente tutto il suo impatto devastante sulla nostra collettività nella prossima stagione invernale, crediamo sia ormai indispensabile ripensare gli accordi in passato conclusi con la Cogne Acciai Speciali S.p.A, in seguito ai quali molti residenti di Aosta hanno avuto la possibilità di avere il teleriscaldamento a prezzi allora vantaggiosi ma che oggi non appaiono più tali e anzi sono addirittura superiori ad alcuni prezzi di mercato. Reputando di primaria importanza per il nostro tessuto sociale porre in essere azioni mirate a calmierare i costi di gas e gasolio ad uso riscaldamento, e ricordando il ruolo rilevante che la predetta società svolge nella nostra comunità, interpelliamo l’Assessore competente per conoscere: se ci sono accordi con la nuova proprietà della Cogne Acciai Speciali in funzione di contribuzione al riscaldamento con particolare riferimento alla città di Aosta; se e come si intenda procedere per mantenere il prezzo del riscaldamento domestico al livello previsto negli accordi a suo tempo conclusi».

La terza interpellanza vuole fare il punto sui lavori dell’ampliamento dell’Ospedale regionale Umberto Parini.
«Fin dall’inizio di questa legislatura abbiamo presentato diverse iniziative atte a far chiarezza prima sullo stato di avanzamento del progetto di ampliamento dell’Ospedale regionale, e poi sulle iniziative atte ad accelerarlo come previsto dalla risoluzione approvata il 12 maggio 2021» specifica il Consigliere Rollandin «Torniamo a parlarne oggi, ad oltre un mese dall’ultima interpellanza da noi presentata sull’argomento, perché giudichiamo non più differibile l’urgenza di fare il punto su quelle che sono le intenzioni del Governo in merito, anche alla luce di due evidenze di recente manifestatesi. La prima riguarda le dichiarazioni del Sindaco di Aosta che nell’ultimo Consiglio comunale ha affermato che non sarà necessario aumentare di un piano il progetto iniziale dell’ampliamento dell’Ospedale. La seconda è relativa al fatto che la predetta accelerazione del cronoprogramma non risulta si stia effettivamente verificando, per motivi che ormai ci appaiono incomprensibili a fronte delle reiterate rassicurazioni e della dichiarata intenzione del Governo di porre un freno ai ritardi fino a qui acquisiti. Pertanto con questa interpellanza, domandiamo quali sono le prospettive e gli intendimenti del progetto futuro e del relativo cronoprogramma; e quali sono le risultanze delle dovute verifiche sul numero di posti letto necessari all’Ospedale per essere rispondente e funzionale alle esigenze della nostra collettività e dei turisti che annualmente ospitiamo».

Con la mozione si intende sottolineare l’importanza di avviare un progetto di turismo culturale accessibile ai soggetti portatori di disabilità visiva.
«Durante il precedente Consiglio regionale abbiamo registrato con una certa delusione la dichiarata impossibilità di accettare la proposta della sezione valdostana dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di estendere il Progetto “Lo sci per tutte le abilità” ad attività culturali, quali i siti di interesse ambientale, storico, artistico e archeologico» argomenta il Capogruppo Carrel «Considerando più che valide sia le motivazioni che le eccezioni espresse dall’UICI regionale, ci facciamo latori delle loro istanze e ribadiamo la necessità che la nostra Regione sappia proporre anche un’offerta culturale sempre più adeguata e rispondente alle esigenze della disabilità visiva. Nei fatti ad oggi, prendendo atto dell’evidenza per cui nel nostro territorio le realtà culturali che grazie a studi e investimenti considerevoli esprimono positive strategie di inclusività verso gli ipo e non vedenti, sono in numero ridotto e spesso poco valorizzate e scarsamente utilizzate, stimiamo come indispensabile che la nostra Giunta vari una politica di accoglienza avente come obiettivo precipuo quello di rendere i nostri musei e siti culturali fruibili anche da parte dei portatori di ogni forma di disabilità, e in particolare quella visiva» e conclude «Particolarmente sensibili alla materia, e fermamente convinti che la cultura debba essere patrimonio condiviso da tutti e che un’Amministrazione virtuosa debba sempre agire fattivamente in tale direzione, con questa mozione vogliamo impegnare l’Assessore competente a coordinarsi con l’UICI della Valle d’Aosta e l’Associazione Tactile Vision Onlus per prevedere con cadenza almeno bisettimanale una visita guidata in un sito culturale valdostano per residenti e turisti con disabilità visiva; a effettuare una mappatura di tutti gli attuali percorsi di visita dei siti culturali regionali, predisponendo una valutazione tecnica ed economica di tutti i lavori necessari ad implementare tali percorsi mediante supporti esplicativi e didattici elaborati in sinergia con l’UICI e la Tactile Vision Onlus; e ad avviare percorsi formativi rivolti al personale della Soprintendenza per i beni e le attività culturali e della Società di servizi della Valle d’Aosta, alle guide turistiche e agli operatori culturali, utili ad accogliere al meglio le persone con disabilità visiva che necessitano di puntuali accorgimenti narrativi finalizzati ad una migliore comprensione del patrimonio».

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.